L’importanza di avere volontari competenti… nella comunità che verrà!

Il volontariato è efficace solo se svolto da persone capaci e competenti: volontari che non solo sappiano svolgere il loro servizio, ma che siano anche coscienti del loro ruolo di volontari e della forza di cambiamento che possono esercitare con la loro azione. Da questa convinzione del Consiglio direttivo del CSV è partita alcuni anni fa l’idea di realizzare una scuola per volontari che trattasse tematiche trasversali e utili per tutti i tipi di associazioni.
A questo si aggiunga il fatto che per il 2020 Padova è stata nominata Capitale Europea del Volontariato. Il concorso per individuare la Capitale Europea del Volontariato è indetto dal CEV – Centro Europeo del Volontariato, e mira a promuovere il volontariato a livello locale dando un riconoscimento ai Comuni che supportano e rafforzano le partnership con i centri di volontariato e con le organizzazioni e che valorizzano i volontari e il loro impatto nella comunità. Hanno già ottenuto il titolo di Capitale Europea del Volontariato le seguenti città: Barcellona, Lisbona, Londra, Sligo, Aarhus, Kosice.

Con l’attività prevista per il 2020 ci si pone l’obiettivo di lavorare per dare ai cittadini di Padova una risposta a quei bisogni di legame, valore e senso che sono andati perduti con la crisi del 2008. In particolare si tratta di ravvivare nei cittadini la consapevolezza che non sono solo individui ma sono persone al centro di una rete sociale e agevolare la nascita di un nuovo processo che possa risvegliare in loro il desiderio di impegnarsi anche al di fuori di sé, per creare e prendersi cura di qualcosa di più grande, a partire delle idee, affinché poi possano crescere e svilupparsi.

In questa ottica generativa, Padova capitale europea del volontariato rappresenta una fantastica esperienza che potrebbe fare della nostra città un esempio importante a livello italiano ed europeo di nuove rappresentazioni di legami sociali e identitari. Una città in cui tutti possano sentirsi inclusi, in cui tutti siano in grado di riconoscere le discriminazioni, le disuguaglianze, le barriere, gli sfruttamenti e tutti agiscano per combatterli e per creare alternative a vantaggio di tutta la società.

In questo contesto, la formazione riveste ancora di più un ruolo fondamentale nella preparazione dei cittadini della… Comunità che verrà.

Promotore della scuola

I CSV – Centro di Servizio per il Volontariato – nascono dalla legge
quadro sul Volontariato (266/91), recepita dalla Regione Veneto con la L.R. 40/93, con l’obiettivo di contribuire alla crescita di una cultura di solidarietà e di sostenere e qualificare l’attività di volontariato locale.
Il Decreto legislativo 117 del 2017 “codice del Terzo settore” ribadisce l’importanza dei CSV e attribuisce loro specificatamente la possibilità di svolgere (art 63 comma 2b) servizi di formazione, finalizzati a qualificare i volontari o coloro che aspirino ad esserlo, acquisendo maggiore consapevolezza dell’identità e del ruolo del volontario e maggior competenze trasversali, progettuali, organizzative a fronte dei bisogni della propria organizzazione e della comunità di riferimento.
Il Centro Servizio per il Volontariato provinciale di Padova opera dal 1997. Dal 2003 è gestito dall’associazione Centro Servizi Padova Solidale, coordinamento provinciale al quale aderiscono oltre 500 associazioni.

A chi è rivolta la Scuola

La scuola è un luogo di formazione destinato ai volontari, a operatori del terzo settore, a persone che hanno voglia di approfondire le loro conoscenze in merito a tematiche sociali e a tutti quanti hanno a cuore il bene comune e la gratuità.
L’obiettivo della scuola è far riflettere sui temi propri del volontariato e trasmettere nuove competenze ai volontari e a quanti decideranno di impegnarsi in attività civica e di volontariato.

Metodologia didattica

La scuola è strutturata per aree tematiche. Per ciascuna delle aree, che verranno presentate nel dettaglio nel libretto allegato, sono previsti 5 incontri miranti ad approfondire il tema da diverse angolazioni. Gli incontri si terranno a mercoledì alterni per un periodo complessivo di circa 2 mesi e mezzo.
Novità di quest’anno!
Vista la richiesta dei partecipanti alle precedenti edizioni di avere anche un momento pratico e laboratoriale, alle lezioni delle aree “Motivazionale”, “Progettazione”, “Comunicazione per la raccolta fondi”, “Valutazione dell’impatto sociale” è stato aggiunto un sesto incontro pratico, che si terrà il sabato mattina, in cui i corsisti avranno modo di applicare i concetti appresi.

Area Motivazionale

Le associazioni, in quanto organizzazioni di persone e di risorse in vista di un obiettivo comune, si affidano prevalentemente all’attività di volontari. Questa particolarità rende l’esperienza associativa particolarmente complessa in quanto, accanto alle problematiche tecnico-organizzative di funzionamento tipiche di ogni organizzazione collettiva, ogni associazione deve continuamente confrontarsi con un insieme di vissuti complessi la cui gestione e composizione è spesso piuttosto delicata in una ricerca continua di coerenza tra i valori che la animano, le mete che si prefigge di raggiungere e i processi organizzativi e operativi per realizzarli.
Il bisogno di relazione è tra le principali leve che muovono chi accede al mondo del volontariato ed il contatto che ne ottiene è il mezzo attraverso il quale tale bisogno viene soddisfatto.
L’atmosfera del gruppo e delle relazioni interpersonali che si possono sperimentare sono perciò fondamentali per la vita e lo sviluppo di ogni esperienza associativa che, a sua volta è il risultato di scambi relazionali tra i membri che concorrono a strutturare un’identità nella quale i singoli membri si riconoscono.

Area Progettazione

La progettazione, la rendicontazione di progetti e le possibilità di finanziamento offerte dal territorio costituiscono sempre di più un patrimonio culturale da valorizzare sia nel mondo professionale che in quello della solidarietà. Partecipando alle attività formative, i corsisti potranno acquisire competenze tecniche di base per la redazione e rendicontazione di una proposta progettuale e avere una conoscenza generale su come ricercare bandi e reperire risorse.

Area Comunicazione per la Raccolta fondi

La raccolta fondi è un tema molto attuale per le associazioni e non si esaurisce in un mero reperimento di risorse. Per una buona raccolta fondi, oltre a conoscere a fondo la propria associazione e l’ambiente in cui si opera, è necessario sapere come e cosa comunicare. L’area si propone quindi di presentare delle strategie e sviluppare capacità e conoscenze per utilizzare al meglio la molteplicità di strumenti comunicativi che oggi abbiamo a disposizione ed essere così più efficaci nel comunicare con i nostri stakeholder e riuscire, di conseguenza, a reperire maggiori risorse umane, economiche e materiali.

Area Valutazione Impatto Sociale

E’ di fondamentale importanza per le associazione misurarsi per dimostrare la propria credibilità e comunicare come le proprie attività inducano cambiamenti sulle comunità per renderle più inclusive, sostenibili e coese. Tale necessità è sottolineata anche dal fatto che anche il ministero, nell’ambito della riforma del terzo settore, ha emanato delle linee guida a riguardo.
Anche se non obbligatoria per tutte le organizzazioni, la valutazione dell’impatto sociale è un’azione rivolta agli stakeholders più che mai urgente. Il corso mira a presentare una delle molte modalità di valutazione utilizzabili e a trasmettere le competenze necessarie per svolgere la valutazione dell’impatto sociale della propria organizzazione in autonomia.

Area Public Speaking

Per un volontario è molto importante avere una buona capacità di parlare in pubblico, preparare presentazioni efficaci e partecipare in modo proficuo a dibattiti argomentando efficacemente le proprie motivazioni.
Questi sono alcuni degli aspetti che verranno presi in considerazione durante le lezioni per fornire strumenti e rafforzare le competenze dei partecipanti.

Area Amministrativa

Le incombenze amministrative collegate a contabilità, bilancio e privacy creano spesso molti dubbi e altrettante paure nei volontari che si impegnano nella gestione di un’associazione. Negli incontri si approfondiranno queste tematiche ma si darà anche spazio al tema del bilancio sociale, un documento volontario che affianca il bilancio di esercizio dando una descrizione più ampia di quella economica e finanziaria.

Certificazione
Per ottenere la certificazione di una data area, sarà necessario partecipare ad almeno 4 delle 5 lezioni previste.

Contributo
Per ciascuna area tematica saranno disponibili 30 posti. La partecipazione alle cinque lezioni di un’area tematica prevede una compartecipazione alle spese di 20 euro da pagare per un massimo di due volte. La partecipazione a partire dalla terza area tematica è gratuita.