16/d. La nostra associazione di volontariato ospita, in appartamenti presi in affitto, studenti bisognosi senza che vi sia un subaffitto. Possiamo rilasciare una dichiarazione per la cifra che lo studente paga come contributo spese che sia utilizzabile nella dichiarazione dei redditi della famiglia dello studente per la detrazione spese per studio dei figli iscritti in università distanti da casa?

RISPOSTA (Autore: Alessia Stimamiglio, CSV Padova)

L’agevolazione fiscale spetta ai genitori per chi è ancora a carico, oppure può essere fatta direttamente sui propri redditi. Per averne diritto, deve essere redatto un contratto, stipulato o rinnovato in base alla legge sulle locazioni (431/98): può essere dunque un contratto specifico per studenti (durata da sei a 36 mesi rinnovabile automaticamente con canone concordato a livello locale), oppure un contratto per uso transitorio. Pertanto non essendo in presenza di contratto le quote date non possono essere inserite in dichiarazione dei redditi.