Secondo rapporto annuale sul volontariato della provincia di Padova

Analisi curata dal CSV Padova

Dalla presentazione del Presidente del CSV Padova – Emanuele Alecci
Nella nostra provincia, nel campo del volontariato, notiamo la congiunzione di almeno due tradizioni molto diverse: da un lato il volontariato che cerca la trasformazione sociale e che proviene dalle vecchie scuole della militanza (politica, sindacale, dei movimenti sociali, cristiana etc.), dall’altro lato un volontariato che cerca la realizzazione personale in un mondo che non si condivide appieno.
A tutto ciò oggi si aggiungono tutti quei “volontariati”, tutti quegli impegni Civici, che hanno fatto fiorire, anche nella nostra provincia, nuovi lavori e nuove professioni e stanno creando innovazione sociale, culturale e politica. Per fare in modo che il terzo settore diventi “primo”, allora, occorrerà trovare nuove intese, e nuove forme di collegamento tra tutti i soggetti impegnati a vario titolo nel civismo sociale, culturale ambientale e sportivo; forse, allora, una lettura asettica ma guidata anche delle nuove norme potrà favorire una nuova primavera di intese. Questo rapporto che presentiamo vuole essere il nostro piccolo contributo affinché tutto il terzo settore da “terzo” diventi “primo”.

Leggi il report

Indice
> PRESENTAZIONE
Perchè da terzo diventi primo – Emanuele Alecci – presidente CSV Padova

> INTRODUZIONE
– L’indagine del CSV Padova – Alessandro Lion – direttore CSV Padova
– L’approccio metodologico – Alessandra Schiavon – curatrice dell’analisi dei dati

NUOVE FORME DI PROSSIMITà COME INNOVAZIONE SOCIALE: CONTRIBUTI SIGNIFICATIVI
> L’Università di Padova per l’innovazione d’impresa nel campo della gestione delle risorse ambientali – prof. Davide Pettenella e prof. Alessandro Leonardi – Università degli Studi di Padova
> Volontariato e terra, quali legami? – dott. Guido Turus – Mo.V.I. Veneto
> La ricerca psicosociale e le relazioni di prossimità – prof. Massimo Santinello – Università degli Studi di Padova
> I rapporti tra associazioni, ente pubblico e territorio: per uno sviluppo condiviso dott. Luciano Pasqualotto – Università degli Studi di Verona
> L’agricoltura del futuro si costruisce con i giovani e con il welfare comunitario dott. Claudio d’Ascanio – CIA Veneto
> Il volontariato a padova: i dati
– Il volontariato in Italia
– Distribuzione geografica delle organizzazioni no profit nel territorio di Padova e provincia – confronto con l’anno precedente
– Attività delle organizzazioni padovane
– A chi si rivolgono le associazioni di volontariato
– La forza economica delle associazioni di volontariato
– Il cinque per mille al volontariato
– Parlano di noi: la presenza sugli organi di stampa
– Progetto Reddito Inclusione Attiva 2017
> Il volontariato a Padova: un bagaglio di esperienze e relazioni
– Indagine sui volontari delle associazioni
– I Consigli direttivi
– Il presidente
– I volontari
– Il personale retribuito
– La formazione
– La comunicazione

> IL FOCUS 2017 – Esperienze di nuove forme di prossimità
– Introduzione
– Banca del tempo di Rubano: perchè scambiare il bene più prezioso
– La ciclabile Treviso Ostiglia nel territorio padovano: un bene da tutelare – il ruolo dell’Auser
– Circolo Wigwam “Il presidio sotto il portico”: un’oasi resistente nella zona industriale di Padova
– Ponte sul Domani: per una comunità che si prende cura
– Progetto Gentilezza: l’avvio di una social street all’Arcella
– I semi del tarassaco: una scuola a misura di bambino
– Comitato difesa alberi e territorio: il nostro ecosistema
– Caresà: una strada verso l’occupazione attraverso l’agricoltura sociale e biologica
– Radio cooperativa: informazione indipendente

> IL PREMIO GATTAMELATA 2017
> CONCLUSIONI