Dire, fare, accogliere
Prepararsi a nuove forme di accoglienza

Atti del raduno – maggio/giugno 2015

Premesse per un lavoro comune
Giorgio Ortolani – Presidente CSV Padova
Il tema del raduno di quest’anno sottolinea l’importanza, da parte del CSV Padova, di interagire con la società anche oltre i confini del volontariato.
Dopo 12 anni di operato si presentano davanti a noi nuovi obiettivi e sfide sempre crescenti, una di queste è certamente la necessità di saperci confrontare con l’altro, saper accogliere preparandosi e preparandoci così a nuove forme di welfare generativo.
Le associazioni ed il CSV sono sentinelle di educazione permanete rispetto a tutte quelle tematiche fondamentali nel mondo d’oggi.
Occorre attivare una fase attenta di analisi ed una di discussione allargata al fine di pervenire ad una sintesi solida che possa essere traccia per il nostro operato.
Ci troviamo oggi ad un bivio continuare con il nostro lavoro quotidiano senza una reale partecipazione attiva della società oppure orientare il nostro futuro verso un agire collettivo al fine di impostare un domani condiviso.
In quest’ottica è importante interrogarsi sul ruolo del CSV definendo cosa spetta a noi e cosa alle istituzioni, sincronizzando il sistema in modo da interagire per avere come obiettivo una crescita globale della nostra comunità.
Il CSV, negli anni, è diventato soggetto chiave per e nel territorio e questo è stato possibile grazie ai volontari che svolgono con dedizione e gratuità il loro servizio.
Auguro buon lavoro per queste due giornate, ma soprattutto per il futuro con la consapevolezza che al loro fianco ci sarà sempre il CSV.

Premessa metodologica
Il report del raduno del volontariato padovano è un documento di sintesi, che non ha la pretesa di essere esaustivo nè completo, destinato principalmente alle associazioni partecipanti e alle associazioni padovane che non hanno avuto la possibilità di essere presenti ai due appuntamenti.
Sono riportati gli interventi frontali di Don Albino Bizzotto, Giangiorgio Pasqualotto, Luigi Gui, trascritti dalle registrazioni audio dei rispettivi interventi. Del lavoro con Luciano Franceschi di Cemea sono riportate le slides, la poesia finale frutto dei partecipanti e una breve sintesi a cura del conduttore.
Al termine è riportato l’elenco delle associaizoni presenti (alcune associazioni erano presenti con più
rappresentanti).
Ci scusiamo con i relatori per eventuali errori di trascrizione o di interpretazione di quanto detto.

Vedi il report completo (pdf)