Rendiconto economico annuale
Schema di bilancio e altri documenti

La L.117/2017 stabilisce che nell’atto costitutivo o nello statuto gli enti del Terzo Settore devono prevedere:
– l’obbligo di formazione del bilancio;
– le modalità di approvazione dello stesso da parte dell’Assemblea degli aderenti.

La norma non indica schemi precostituiti ma si limita a richiedere che dal bilancio risultino i beni, i contributi o i lasciti ricevuti.
Tale documento, oltre ad essere obbligatorio per legge, risponde all’esigenza di trasparenza e di pubblicità nei confronti di tutti i soggetti che vengono a vario titolo in contatto con l’organizzazione, è il principale strumento per dimostrare l’attività svolta ed è necessario perche l’organizzazione possa mantenere la qualifica di Ente non commerciale e godere delle agevolazioni fiscali previste.

Il bilancio va approvato dall’Assemblea nei tempi previsti dallo Statuto e pertanto va necessariamente accompagnato da copia del verbale di approvazione da parte della Assemblea, datato e sottoscritto dal legale rappresentante.
Il rendiconto economico andrà accompagnato da una relazione o cd. rendicontazione sociale.
Numerose previsioni normative, quali ad esempio, gli obblighi di rendicontazione dell’utilizzo dei fondi del cinque per mille, richiedono che il rendiconto economico sia affiancato e integrato con una rendicontazione sociale.
Attraverso tale documento l’organizzazione potrà fornire indicazioni utili al fine di:
– Evidenziare i tratti essenziali del servizio “istituzionale” svolto;
– Analizzare sommariamente la capacità di lavoro in rete sul territorio;
– Mostrare l’impegno per sostenere e valorizzare il patrimonio umano, quale risorsa prioritaria, coinvolto nell’organizzazione: volontari, dirigenti e sostenitori.

Si ricorda anche l’obbligo di tenere separati rendiconti delle singole raccolte pubbliche di fondi, imposto dall’art. 8 del D.lgs 460/97, e ribadito dalla Circolare n. 59 del 31 ottobre 2007. La somma dei risultati delle singole raccolte fondi, andrà naturalmente a costituire la più ampia voce di bilancio “raccolte fondi”.

Al bilancio dell’organizzazione di volontariato vanno, pertanto, sempre allegati i seguenti documenti:
1. Verbale di approvazione del rendiconto da parte dell’Assemblea dei soci;
2. Relazione sociale;
3. Eventuali rendiconti e relazioni illustrative delle singole raccolte fondi effettuate;
4. Eventuale rendiconto della destinazione del cinque per mille ricevuto.

Documentazione per ODV – Organizzazioni di Volontariato

Schema bilancio Odv (.doc)

vai all’articolo relativo al Decreto 4314 del 29/12/09

Software Banana v.8: Piano dei conti – partita doppia ODV
(sono comprese le apps per generazione report economico, report raccolta fondi e report 5 per mille.
i file sono riportati in formato .zip, da scompattare dopo il salvataggio. nel file “istruzioni.pdf” sono riportate informazioni utili per l’installazione delle apps)

Software Banana v.8: Apps per contabilità semplice

!! Per aggiornare il software Banana alla v.8: http://new.banana.ch/it/node/9298

Relazione sociale al bilancio
Rendiconto della raccolta fondi e relazione
Fac simile prima nota cassa (.doc)
Fac simile prima nota cassa (.xls)
Nota di addebito

Documentazione per APS – Associazioni di promozione sociale

Schema bilancio APS (.doc)

Software Banana v.8: Piano dei conti – partita doppia APS
(sono comprese le apps per generazione report economico, report raccolta fondi e report 5 per mille.
i file sono riportati in formato .zip, da scompattare dopo il salvataggio. nel file “istruzioni.pdf” sono riportate informazioni utili per l’installazione delle apps)

!! Per aggiornare il software Banana alla v.8: http://new.banana.ch/it/node/9298


Documentazione per ONLUS – Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale

Schema di bilancio – redatto da Agenzia per le Onlus