Il premio, giunto alla quattordicesima edizione, è istituito dal Centro Servizio Volontariato provinciale di Padova dal 2005 con l’obiettivo di premiare volontari, associazioni, aziende, istituzioni, cittadini impegnati in azioni di solidarietà in occasione della Giornata internazionale del volontariato.
Sono pervenute candidature da tutta Italia oltre che dalla provincia di Padova.

L’opera ad edizione limitata rappresentante il Gattamelata quest’anno è realizzata dall’artista Lelio Bonaccorso.

Lelio Bonaccorso (Messina, 2 agosto 1982) è un fumettista, illustratore e insegnante italiano. Ha pubblicato su diversi quotidiani nazionali quali il Corriere della Sera (La Lettura), la Gazzetta dello Sport, L’Unità, Wired, partecipato a diversi festival del fumetto con esposizioni personali e collettive a Lucca Comics[1], Napoli Comicon[2], Etna Comics[3], Lamezia Comics[4] e raggiunto risonanza all’estero pubblicando anche in diversi stati europei, nel Nord America e in America Latina. È anche docente presso la Scuola del Fumetto di Palermo e di Messina.

 

CATEGORIA VOLONTARIO
Don Albino Bizzotto – Padova
Ordinato sacerdote nel 1963, durante gli anni Ottanta visita alcuni paesi dell’America Latina, che segneranno il suo percorso pastorale e le sue idee politico/sociali. Emarginato dalle gerarchie e amato dai poveri, diventa punto di riferimento insieme a don Tonino Bello del pacifismo italiano. Nel 1985 fonda l’associazione “Beati i Costruttori di Pace”, un’organizzazione per la pace ed il disarmo nel mondo. Nella piccola struttura vengono aiutati quotidianamente decine e decine di bisognosi. Nel 1992 organizza una marcia nonviolenta nella Sarajevo assediata, coinvolgendo cinquecento giovani folli a cui si unirono don Tonino Bello e Mons. Luigi Bettazzi. Ad Albino Bizzotto si deve la rottura dell’assedio per la cooperazione internazionale, facendo della sua associazione canale per aiuti da tutto il mondo. È anche sua l’iniziativa di fondare e dirigere la locale trasmittente radiofonica “Radio Cooperativa” che trasmette da Padova coprendo quasi tutto il Triveneto, definendosi come una radio di “contro informazione”. Da alcuni anni è referente del coordinamento associativo spontaneo “A braccia aperte” che organizza annualmente una cena in piazza per tutti nel segno dell’accoglienza e integrazione.

Carolina Borgoni – Padova
E’ volontaria dal 2014 dell’unità di strada della coop. soc. Percorso Vita di don Luca Favarin, impegnata in attività di primo contatto delle donne vittime di sfruttamento sessuale. Dal 2016 è responsabile del progetto relativo al ristorante etico “Strada facendo “, dove segue la formazione professionale dei ragazzi e ragazze richiedenti asilo.

Alessio Gobbis – Padova
Da nove anni Alessi Gobbis, padovano classe 1980, di professione Consulente finanziario, la settimana prima di Natale prende le ferie, non per andare in vacanza ma per vestirsi da Babbo Natale e consegnare i doni che, con l’aiuto di familiari e amici, raccoglie e acquista durante l’anno. Sono più di 1600 i dolcetti, regalini e tantissimi abbracci che porta personalmente alle persone, anziani e bambini, ricoverati o assistiti nelle maggiori strutture ospedaliere o di accoglienza padovane.

Antonio Calò – Treviso
Antonio Calò, professore di storia e filosofia al liceo classico Antonio Canova di Treviso è stato insignito del premio europeo dell’anno 2018 per il suo modello di buona accoglienza. Dal giugno 2015 con la moglie Nicoletta Ferrara e i loro quattro figli, ha deciso di aprire la casa di Camalò di Povegliano, a sei richiedenti asilo africani naufragati al largo di Lampedusa: Sahiou, Mohammed, Braima, Siaka, Tidja, Saeed. Una scelta importante ed efficace per cui si parla di “modello Calò”. La famiglia Calò ha dato ai ragazzi ospiti non soltanto un alloggio, ma anche le abilità ed una formazione necessaria, attraverso percorsi individuali, per integrarsi all’interno della società. Un modello possibile e riproducibile diventato una formula 6 + 6 x 6, ovvero 6 migranti per 5.000 abitanti, 2 per 10.000 e così via.

CATEGORIA ASSOCIAZIONI
Protezione Civile della Associazione Nazionale Alpini Sezione di Belluno
e Protezione Civile della Associazione Nazionale Alpini Sezione di Feltre e sezione del Cadore
Per l’impegno e la competenza nell’affrontare l’emergenza maltempo nel bellunese di fine ottobre 2018, convogliando volontari, risorse e capacità per ottimizzare gli aiuti e garantire alla popolazione acqua, corrente elettrica e supporto nel più breve tempo possibile.

Dynamo Camp – Pistoia
Associazione Dynamo Camp Onlus offre programmi di Terapia Ricreativa rivolti a bambini e ragazzi, dai
6 ai 17 anni, affetti da patologie gravi o croniche, principalmente oncoematologiche, neurologiche e diabete,
in terapia o nel periodo di post ospedalizzazione. La mission di Dynamo Camp è offrire a questi bambini l’opportunità di tornare ad essere “semplicemente bambini”.

ISTITUZIONE
Progetto MENTOR UP Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione – Università di Padova
Si segnala l’Unipd per il progetto MENTOR UP che coinvolge ogni anno mediamente 70 studenti universitari.
Opera ormai da 10 anni e le attività corrispondono a circa 3000 ore/anno di tempo volontario impiegato dagli studenti con ragazzini che vivono una situazione a rischio da vari punti di vista.
Ritirano il premio: Prof.ssa Alessandra Simonelli, Direttrice del Dipartimento e la dott.ssa Marisa Bergamin Project manager di Mentor-UP.

IMPRESA
Alì S.p.A.
Alì S.p.A. è presente in Veneto e in Emilia Romagna con punti vendita che danno lavoro a più di 3.300 dipendenti. Da sempre la famiglia Canella è sensibile ai temi sociali e propone iniziative di raccolta fondi per realtà sociali del territorio.

Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001. E’ oggi il punto di riferimento giornalistico per tutti i temi sociali.