Saranno 11 le “palestre digitali” che verranno aperte nei comuni di Rovigo, Adria e Villadose grazie alla gestione delle associazioni di volontariato del territorio.

Questo è l’obiettivo del bando promosso da Comune di Rovigo e Centro Servizio Volontariato provinciale di Padova e Rovigo nell’ambito del progetto “Innovation lab – Urban digital center”, del Comune di Rovigo insieme ai Comuni di Adria e Villadose e finanziato dalla Regione del Veneto in attuazione del Programma Operativo POR FESR 2014-2020 Azione 2.3.1, Asse 2 “Agenda Digitale”.

Attraverso il bando, aperto fino al 23 febbraio (scadenza prorogata al 16 marzo 2021), CSV e Comune intendono individuare organizzazioni del Terzo Settore disponibili alla gestione di questi spazi, garantendo aperture al pubblico per almeno 15 ore settimanali per i prossimi 4 anni, fornendo supporto ricettivo all’utenza, garanzia del presidio degli spazi e collaborazione nell’organizzazione di attività che prevedano il coinvolgimento attivo della cittadinanza.

Le manifestazioni di interesse potranno essere presentate anche da più associazioni in partnership.

Il Comune di Rovigo, capofila del progetto, si impegnerà a fornire alle associazioni interessate e selezionate un pacchetto formativo – online o in presenza, compatibilmente con l’emergenza sanitaria in atto – che comprende gli elementi organizzativi e i contenuti minimi di progetto per la gestione degli spazi. Tutte le attività saranno realizzate anche in collaborazione con l’Università Iuav di Venezia.

Il progetto “Urban Digital Center – Innovation Lab” intende potenziare le piattaforme e le infrastrutture digitali e adeguare le competenze digitali di operatori e cittadini. Attraverso luoghi fisici di incontro e di partecipazione attiva, “Innovation Lab” vuole favorire un approccio partecipato alla creazione, ammodernamento e diffusione di servizi pubblici digitali e l’utilizzo e analisi degli Open Data.

Gli 11 spazi individuati, 5 nel Comune di Rovigo, 4 ad Adria e 2 a Villadose sono nello specifico:

COMUNE DI ROVIGO

  • Frazione di Borsea – c/o Scuola Primaria “A. Maini”, via Don Torquato Giuseppe Astori;
  • Frazione di Boara Polesine (in forma aggregata con frazioni di Mardimago e Sarzano) – c/o Scuola Primaria “Aldo Moro” via Curtatone, 87;
  • Frazione di Granzette (in forma aggregata con frazione di Concadirame) – c/o Scuola primaria “M. Ventre”, via Ramazzina, 2;
  • Frazione di Grignano Polesine (in forma aggregata con la frazione di Roverdicré) – c/o Scuola primaria “Col. A. Milan”, via P.te Merlo, 45;
  • Frazione di Sant’Apollinare (in forma aggregata con frazioni di Buso e Fenil del Turco) – c/o Ex municipio di S. Apollinare, via Don Aser Porta, 49.

COMUNE DI ADRIA

  • Adria, c/o Sede della Biblioteca Comunale dei Ragazzi (“dietro Teatro Comunale”),  Vicolo Prigioni, 7, 45011 Adria RO – aula multimediale piano primo (ex Centro P3@);
  • Adria, sede del Comune di Adria c/o Ufficio di Solidarietà sociale, Piazza C. Bocchi 3 – saletta interna;
  • Baricetta, in forma aggregata con le frazioni di Ca’Emo, Fasana e Valliera – c/o Scuola primaria “M. Teresa di Calcutta”, via L. Einaudi 51 – aula piano terra;
  • Bottrighe, in forma aggregata con Bellombra, Mazzorno Sinistro e Cavanella Po – c/o palazzo della Delegazione Comunale, Piazza della Libertà, 3 – aula ex anagrafe

COMUNE DI VILLADOSE

  • Biblioteca Comunale “Guerrino Rizzo”- Via N. Paganini 16 (ex Centro P3@)
  • Sala Municipio Cà Patella, Piazza Aldo Moro 24.

Per il presidente del CSV di Padova e Rovigo Emanuele Alecci, questa rappresenta “una opportunità importante per le associazioni del territorio per incontrare la cittadinanza, favorire la digitalizzazione soprattutto per le fasce più deboli della popolazione e avviare o rinsaldare collaborazioni tra diversi soggetti del territorio. Come Centro Servizio Volontariato saremo a disposizione delle associazioni per facilitare quanto più possibile l’adesione a questa opportunità e la successiva gestione”.

Per l’assessore del Comune di Rovigo Luisa Cattozzo, la partnership attivata con CSV è un “primo importante passo per l’inclusione digitale di tutte le fasce della popolazione, in un percorso congiunto di crescita che interessa le frazioni della città capoluogo ed una collaborazione in logica di area vasta con i Comuni di Villadose ed Adria per raccogliere i fabbisogni e portare a tutta la cittadinanza gli strumenti di confronto e partecipazione utili alle amministrazioni per la costruzione delle policy locali”.

Scarica e leggi il bando