Il 5 e 6 settembre, la rappresentanza dei/delle giovani in Servizio Civile della Regione Veneto ha organizzato un evento unico: il primo raduno regionale di volontari e volontarie in Servizio Civile, un’occasione per trovarsi e conoscersi.

Il raduno, durato due giorni, è stato organizzato proprio per permettere a persone coetanee che stanno vivendo l’esperienza di Servizio Civile di incontrarsi e condividere le loro esperienze, confrontandosi e dibattendo su diversi temi; i momenti di riflessione si sono ben alternati a momenti ludici e creativi, in uno spirito di apertura e collaborazione estremamente stimolante per tutti i partecipanti.

Il primo giorno ha subito dato modo a tutti di creare un gruppo e collaborare, prima in maniera pratica, con l’allestimento del campo, poi con attività e giochi di gruppo che hanno “rotto il ghiaccio” e hanno subito creato legami di amicizia.

Nella giornata di venerdì la mattinata è stata dedicata ad un dibattito attivo sui temi del Servizio Civile, sulla sua importanza e sulle prospettive future di attivazione. I ragazzi si sono divisi in gruppi e hanno avuto modo di collaborare nel corso delle attività di gruppo, di ragionare su diverse tematiche quali l’inclusione, la non violenza, le pari opportunità, l’accoglienza.

Tra le attività di gruppo della mattinata c’era la possibilità di esprimersi creativamente su specifici temi, e sono state scritte dai ragazzi e dalle ragazze due bellissime poesie sull’inclusione, che riportiamo.

Poesia “Noi
Come credi di capire “noi”
se subito pensi “io” e “voi”?
Ciò che importa è l’azione
per poter entrare in relazione.
Siamo una coesione di persone sconosciute
che condividendo sono cresciute;
nessuno è emarginato, ciascuno viene aiutato.
La forza di buttarsi è necessaria
se vuoi vivere questa esperienza straordinaria:
nessun tentennamento, non perdere il tuo tempo!
Se la stessa strada percorriamo
lo stesso obiettivo raggiungiamo.
Per stare insieme non serve nessun manuale,
basta solo pensare a ciò che vale:
è un percorso graduale!
E’ essenziale sapersi accettare
per poter cooperare.
Ognuno con la propria unicità
diventa parte di questa grande comunità;
è così che da “io”e “voi” si diventa un solo “Noi”!

Poesia “Inclusione è
Inclusione è superare le barriere,
perché in fondo non esistono frontiere.
Inclusione è eliminare i preconcetti
per abbracciare l’altro in tutti i suoi aspetti.
Inclusione è collaborazione per conoscere il diverso,
cosicché nessuno debba sentirsi perso.
Inclusione è integrazione, avendo dell’altro rispetto:
abbiamo tutti gli stessi diritti, questo è il nostro verdetto!
Inclusione è accettare che in ognuno di noi c’è bellezza
e spetta a noi valorizzare questa ricchezza.
Noi siamo fatti di-versi!

Nel pomeriggio di venerdì c’è stato poi un momento di restituzione e condivisione, con la visione anche di foto e video dell’esperienza fatta in giugno a Barbiana, sulle orme di Don Milani e alla scoperta del suo pensiero sul Servizio Civile, sulla Patria e sulla non violenza.

L’esperienza del raduno è solo una parte di tutto quello che fare Servizio Civile significa, è stata un’opportunità di confronto e uno stimolo a pensare e ad essere creativi, e vogliamo ringraziare le rappresentanti del Servizio Civile per la Regione del Veneto per l’opportunità.