60x60logo 5per1000Pubblicati gli elenchi delle scelte dei contribuenti

anno 2012
con analisi dati per provincia di Padova

Elenchi new-look e nuova carta d’identità geografica degli enti presenti. Sono le novità collegate alla pubblicazione del 5 per mille 2012, in data 9 aprile 2014, da parte dell’Agenzia delle Entrate, che comprende come di consueto i dati completi relativi sia al numero delle scelte espresse dai contribuenti sia agli importi attribuiti agli enti che hanno chiesto di accedere al beneficio.

Più trasparenza nelle scelte espresse e nei relativi importi. È la motivazione che ha guidato l’attuale restyling degli elenchi del 5 per mille nel nuovo formato “aggregato” e che esordisce in coincidenza con la pubblicazione degli importi e delle scelte relative al 2012. In pratica, per la prima volta, in un elenco a parte, sono consultabili gli enti destinatari del contributo ammessi in differenti categorie di beneficiari.
Al riguardo risultano essere 97, per il 2012, gli enti beneficiari ammessi in diverse categorie i cui profili sono riportati nel nuovo elenco disaggregato.

Per facilitare l’identificazione geografica degli enti, sempre dal 2012 gli elenchi degli ammessi e degli esclusi in aggiunta ai dati consueti, codice fiscale, denominazione, numero di scelte e importi, sono corredati con le informazioni sulla Regione, sulla Provincia e sul Comune in cui ha sede l’ente, fissando un’istantanea geografica sui flussi del 5 per mille.


Analisi dati nazionale

Si tratta di un totale di 393 milioni di euro che i cittadini hanno scelto di destinare con le dichiarazioni riferite ai redditi 2011.
In totale, alle 34.581 associazioni di volontariato ammesse sono andati 264.736.176,93 euro, confermando il primato degli enti del volontariato. Da un rapido confronto con i due anni precedenti, si può notare una crescita delle associazioni ammesse e, conseguentemente, delle somme devolute, se è vero che nel 2011 (su dati 2010) erano andati 259,3 milioni di euro a 33.522 associazioni e nel 2010 (su redditi 2009) agli enti di volontariato erano andati 246,8 milioni.

E’ rilevante notare a livello nazionale che purtroppo quasi 1 milione di persone per 27,8 milioni di euro ha apportato solo la firma nello spazio dedicato al 5 per mille per il volontariato, senza specificare il codice fiscale di alcun ente. Ciò significa che l’importo complessivo (27,8 milioni di euro) è stato suddiviso tra tutte le organizzazioni, ma maggiormente è andato a beneficio di chi ha avuto maggiori preferenze e quindi maggiori somme assegnate.
Manca inoltre all’appello un milione di persone non hanno donato il 5permille con un calo del 9% complessivo dei donanti, mentre vi è stato un aumento del 2% del valore donato.


Analisi dati provincia di Padova
(a cura di CSV Padova)

Il Veneto è la quarta regione in Italia dopo Lazio, Lombardia ed Emilia Romagna.
Tra le province venete Padova, con le sue organizzazioni, risulta anche per il 2012 la prima e fra le prime 10 province in Italia per importo donato e donanti.
In particolare i dati relativi agli enti del volontariato ammessi al beneficio della provincia di Padova ci dicono che sono 630 in totale le organizzazioni beneficiarie per un importo di 4,817 milioni di euro (pari a 160.059 contribuenti).

Rispetto all’anno precedente si nota che l’importo donato e le organizzazioni beneficiarie rimangono invariati, mentre si registra una importante flessione pari al 5% rispetto ai dati 2011 nel numero di contribuenti (8 mila persone in meno).

Continua anche nel 2012 una ulteriore flessione dei fondi raccolti dalle Organizzazioni di Volontariato iscritte al registro regionale del volontariato, a favore in particolare delle Associazioni di promozione sociale.

Le associaizoni affiliate al CSV (oltre 500) hanno incassato quasi 1 milione di euro.

Tipologia Importo OrganizzazioniDonanti 
Odv 842.562,17 169 28.888
Aps 500.763,99 144 17.686
Ass. Onlus 620.184,45 52 19.069
Coop286.291,969211.287
Fondazione1.228.458,914741.712
Altro1.339.603,8412641.417
Totale4.817.865,32630160.059

 

Accredito e utilizzo delle somme

L’Agenzia delle entrate, collabora con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per l’erogazione delle somme agli aventi diritto. Per velocizzare i tempi di pagamento, è opportuno che tutti gli enti interessati forniscano all’Agenzia le proprie coordinate bancarie o postali compilando l’apposito modulo e consegnandolo all’Agenzia delle Entrate competente territorialmente (per le associazioni della provincia di Padova, anche per tramite del CSV. Servizio gratuito).
Si ricorda che le spese che possono essere inserite nel rendiconto del 5 per mille sono quelle sostenute dalla data di pubblicazione dell’elenco che riporta le somme ripartite a ciascun destinatario. Ciò significa che le somme assegnate nel 2012 che trovate negli elenchi qui riportati possono essere spese solo dalla data del 9 aprile 2014.

Elenchi
Vai agli elenchi degli Enti del volontariato (sito Agenzia delle Entrate)
Vai alla sezione completa di tutti gli elenchi (sito Agenzia delle Entrate)